Cinque lettere alle mamme ed alcuni frammenti sulla vita di un sedicente allenatore

Pasquale Bellotti, Gioachino Kratter con Marco Ivaldi, Enrico Maffei
ANNO EDIZIONE: 2020
GENERE: Libro
CATEGORIE: Educazione motoria
ISBN: 9788860286277
PAGINE: 64

10,00 € 9,50 €

DESCRIZIONE

Insegnare il movimento e lo sport: una proposta operativa per la famiglia

Acquistabile con         

Qui lettere alle mamme, lettere sulle mamme
. Qui, lettere alle mamme. Lettere a mamme di cui si coglie bene il ruolo, un non delegabile ruolo. Unico, tipico, espressione dell’amore di chi ha dato la vita ed ha fatto la scelta della vita. Della migliore vita possibile. Perciò si leggerà dei passi verso il moto, dentro il moto, con il moto. Con il movimento e con il gioco, due determinanti della vita di ogni uomo, chi più chi meno, chi molto chi poco, fortunati coloro che ebbero più movimento e più gioco, cioè più libertà, più creatività, più spontaneità, più opportunità di tutto; sfortunati - davvero, poiché ne soffriranno per il corso della vita - quelli che ne ebbero poco, quelli cui fu ostacolato, sottratto, vietato e proibito ed ebbero assai piu` di altri giorni bui in cui bisognava nascondersi, invece di uscire all’aperto a muoversi, a giocare.

Come quelle di un profeta. Lettere di Gioachino. Gioachino Kratter, che è un Maestro con la M grande nell’ambito dello studio e della ricerca sul movimento umano, può vantare anche una preziosa esperienza di paternita` di due “bambine-ora-donne-ahi-come-e`-passato-rapido-il-tempo!” e scrive lettere alle mamme: una prima e` “Lettera-pensiero alle mamme in divenire”: lettera dell’attesa di un bambino e i moti dell’animo di chi aspetta e del corpo in divenire di chi è aspettato; sono importanti e vanno assecondati e custoditi i movimenti di chi si sposta verso la nascita; una seconda è “Curiosita` sulle bambine che si muovono nel nuovo ambiente (0-3 anni)” e contiene una miniera di informazioni e di suggerimenti e di stimoli a pensare e a fare. Anni importanti, gli 0-3: “...nei primi tre anni di vita molto accade e il lasciar fare aiuta a strutturare il sé” dice Gioachino.

Poi la lettera terza, a mo’ di “Proposta ai genitori delle giovani bambine che scelgono di non stare ferme per dovere (3-7 anni)”, nella quale - tra mille altri aspetti - è capace di parlare mirabilmente del bosco e dell’acqua, ma non parla di favole o, meglio, parla della favola che è la vita se la sai condurre come si deve e se la sai indicare opportunamente a chi deve viverla e farla vivere ai giovanissimi e ai giovani. Anni in cui il movimento deve rappresentare uno strumento per sentire e per crescere e per sentirsi crescere: “Ponti da superare, salite faticose, cime da raggiungere e soddisfazione di essere arrivate in alto, lassu`, vicino o addirittura dentro le nuvole. Stancarsi e riposarsi...”.

Nella quarta lettera, Gioachino introduce l’argomento sport per la fascia di età che copre i 7-14 anni: “Lo sport come Campo di Esperienza (CE) ed esplorazione del proprio Limite Individuale di Velocita` (LIV)“

“Care mamme - scrive Gioachino - siate presenti nel dialogo con le adolescenti, attente a tutte le componenti citate, favorite le attività del “fare e sperimentare” e considerate lo sport come eccezionale opportunità per uno sviluppo equilibrato della persona. Relegare la pratica del corpo in movimento in qualche ritaglio di tempo anziché farne un buon uso quotidiano, significa rallentare la crescita armonica delle giovani.”

ALTRI PRODOTTI DELLO STESSO AUTORE

  • Nessun prodotto dello stesso autore disponibile
LIBRI CONSIGLIATI SU QUESTO ARGOMENTO